Home Rugby Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Nuova Zelanda

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Nuova Zelanda

231
0
SHARE
Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Nuova Zelanda
Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Nuova Zelanda

All Blacks è sempre il primo favorito per la vittoria della Coppa del mondo di rugby 2019. Ciò non significa che alla fine vinceranno, ma è bene chiarire questo concetto prima di parlare della squadra più forte. Il mondo. I viaggi recenti hanno messo in dubbio la situazione e sollevato dubbi sul reale potenziale di All Black Rose, ma poiché stiamo parlando di All Blacks, le possibili truffe sono sempre dietro l’angolo: noi È davvero la Nuova Zelanda o è solo un periodo di transizione? In caso di dubbio, dire che il più forte è sempre il loro. Non sbagliare.

Ma dov’è All Blacks? In generale, non dovresti cercare strategie complesse, tattiche esoteriche o scelte di gioco futuristiche, ma quanto sono raggruppate la velocità e l’alta qualità e l’eccezionale personalità dei singoli gesti tecnici E scopri se vuoi rendere sensazionale il tuo sistema di gioco. Spesso tutti i neri non hanno piani elaborati rispetto alle altre squadre, ma “semplicemente” sono più veloci, più abili e più intelligenti di chiunque altro.

In ogni caso, la performance di All Blacks potrebbe non essere stata negli ultimi anni. Ciò è dovuto al fatto che alcuni degli avversari hanno giocato una grande partita, e in effetti gli standard della Nuova Zelanda sono leggermente diminuiti. I media locali e internazionali sono stati rilasciati nel tentativo di capire il perché. C’è una storia che giocatori come Teams, Benz Smith, White Rock, Reed, ecc. Che non sono così profondi in un ruolo particolare, stanno chiaramente diminuendo con l’età. La situazione di Steve Hansen non è più il caso.

Invece, i neri all-black visti al campionato di rugby impiegano un po ‘più di tempo ad assorbire alcune nuove istruzioni tattiche di attacco, secondo il misterioso Hansen. Di recente, ci sono stati alcuni problemi con le difese organizzate e particolarmente rapide per eliminare gli attacchi spaziali. Lì c’erano alcune povere esibizioni dei senatori, e alcune che non sempre dipendevano dal proprietario, ma per il resto tutti i neri sarebbero sempre stati armi che avrebbero arrecato grandi danni al nemico Non è possibile Piuttosto, devono solo affilarli: di solito non c’è scampo quando lo fanno.

Ambizione e obiettivi

È molto facile parlare delle ambizioni e degli obiettivi di All Blacks. Tutti i team neozelandesi devono puntare sul team più forte di sempre in Nuova Zelanda. È la continua ricerca dell’autostima per la perfezione del rugby, l’attenzione ai dettagli e la costruzione di un forte patrimonio che può essere tramandato nel tempo.

In breve, considerando che gli All Blacks 2015 hanno vinto due Coppe del mondo di rugby consecutive, in breve, questa generazione di All Blacks vorrebbe essere il primo giocatore a vincere tre volte consecutive. Come ho detto, sono una squadra che sconfigge indipendentemente da tutti i dubbi – alcuni legittimi – che possono avere a questo punto in preparazione della Coppa del Mondo.

Il suono totale della Nuova Zelanda visto durante il campionato di rugby non dovrebbe essere lo stesso di quello presentato in Giappone. Naturalmente nessuno può dirlo con certezza, ma il semplice fatto che siano chiamati “All Blacks” è un certificato di garanzia conservatrice che prevede la crescita costante della figura maschile di Hansen.

In breve, l’obiettivo minimo è vincere la Coppa del mondo di rugby. Nel paese in cui vivi per i giocatori di rugby e maglia nera, anche sotto pressione, ci sono tutti abituati.

calendario

Per gli All Blacks, il secondo giorno della Coppa del Mondo ha avuto un debutto più emozionante e decisivo rispetto a una sfida in Sudafrica. Chiunque sia uscito dal vincitore a Yokohama dovrebbe vincere il Pool B e avere un quarto di finale morbido.

Per il resto dell’anno, la Nuova Zelanda ha un programma e un programma molto comodi. Dopo un’intera pausa di 10 giorni di 10 giorni, il 2 ottobre, All Blacks sfiderà il Canada. Quattro giorni dopo, è prevista una partita con la Namibia e il 12 ottobre le truppe di Hansen chiudono il gruppo con l’Italia alla Toyota.

In breve, per il campione del mondo esiste un gioco reale che è rilevante in termini di classificazione, ed è il primo. Per il resto, All Blacks può sperimentare e / o girare nemici di livello inferiore.

I giocatori da seguire

Borden Barrett e Sam Cain erano due riserve leggendarie come Carter e McCaw nel 2015, ma ora diventano protagonisti assoluti. Anche in casi estremi, Barrett è davvero un giocatore straordinario a causa della qualità tecnica e atletica e della capacità di leggere giochi che possono essere amplificati con altre eccezionali protezioni punti come Richie Munga. confermata ha.

Quella di un cane è una bella storia. Dopo aver gravemente ferito il collo, i capi n. 7 riacquistarono gradualmente la loro forma migliore, crebbero uno dopo l’altro e riguadagnarono la maglia di partenza.

Oltre al Capitano Reed, Ardy Sabea è stato in grado di giocare come antipasto accanto a lui, teoricamente come un bastone di riserva, ma in realtà diventa sempre più importante per Hansen su come trascinare il nemico direttamente sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here