Home Blog Page 2

Guida Vavel Legabasket 2017/2018: Dolomiti Energia Trentino

0
Guida Vavel Legabasket 2017/2018: Dolomiti Energia Trentino
Guida Vavel Legabasket 2017/2018: Dolomiti Energia Trentino

Dopo un campionato mancato da Whisker, Dolomiti Energia Torrent è pronto a presentarsi in campionato e in Europa come una solida realtà. Le aspettative sono molto alte, confermano parte del blocco della scorsa stagione e Valdi Rossi ha recuperato completamente la partita che ha perso la parte più importante della stagione a causa di un infortunio.

THE UNTOUCHABLES-La star della scorsa stagione Sutton riappare a Trento nonostante la sirena Eurolega e continua in un ambiente che lo elogia. Dalla sua parte ci sono Gomez, Foret, Lechtalar, Valdi Rossi, Fraccadori e Shields, che hanno vinto uno storico campionato in piazza fino all’ultima partita della scorsa stagione. Gli ultimi due richiedono ulteriori passi di crescita per rimanere competitivi sotto tutti gli aspetti da giovani.

CHI VIENE E CHI VA- Persicraft e Hog che non hanno resistito alle offerte più interessanti di Monaco e Turchia sono cambiati da 5 + 5 a 3 + 4 + 5 per creare un elenco più lungo e durante la stagione Fino a lesioni che possono verificarsi. I posti vacanti di cittadini extracomunitari sono stati presi dal nuovo teatro Gutierrez, che è simile a Craft ma un attacco peggiore, e dal nuovo arrivato europeo Behanan Center dopo un buon anno a DLeague. Invece, i due posti della comunità sono stati dominati dai Silins, che sono tornati in Italia dopo alcuni anni a Reggio Emilia, e da Franke, che ha debuttato in Italia dopo aver trascorso un anno in Europa.

Aspettativa: entrare nella top 4 sembra essere un obiettivo aziendale. Continueremo a crescere in Europa e ad affermare la nostra posizione nel campionato italiano. La battaglia tra le prime 5-6 squadre è molto difficile, quindi è importante giocare bene in modo da poter giocare nella Coppa Italia che è fuggita per l’inizio dello swing la scorsa stagione, e l’intervento sul mercato e Sutton Trentino Ritorna a.

Partenze: Moraskini (Mantova), Maiale (Pinal Karsiyaka), Kraft (Monaco), Rovi Sotto (Agrigento)
Conferma: Scudo, Gomez, Sutton, Conti, Valdi Rosso, Foret. Lechtaler, Fraccadori
Arriva: Gutierrez (Trabzonspor), Behanan (Kia Picanto), Sirin (Telekom Bsk), Famke (KK Zadar)

Yannick Franke, 1996, 194, SG

Il marcatore di Eredivisi 2014-15 (19 punti in media) con Rotterdam è partito nella prossima stagione a Groningen e si è trasferito a Bison Loima, in Finlandia (15,7 ppg nella lega VTB). La scorsa stagione è rimasto in KK Zadar da gennaio a marzo e ha ottenuto 5,9 ppg nella 7a gara della Lega Adriatica.

E’ corsa a due per l’attaccante ma dal suo entourage filtra la volontà di restare all’Inter: solo una strategia?

0
E' corsa a due per l'attaccante ma dal suo entourage filtra la volontà di restare all'Inter: solo una strategia?
E' corsa a due per l'attaccante ma dal suo entourage filtra la volontà di restare all'Inter: solo una strategia?

Arriva Milan-Lucak e la formale formalizzazione che il belga possiede la nona maglia ha portato a una più o meno ampia per addio all’Inter se le crepe nei muri costruite da Icardi negli ultimi mesi Portando l’apertura, Jeco e Roma hanno effettivamente riguadagnato le mani. In effetti, lo stato di Maurito è tornato alla piena chiusura. In altre parole, vuole rimanere in Nerazzurri. Tuttavia, rimane la domanda che questo obiettivo potrebbe effettivamente nascondere la strategia. Ma quali sono i tuoi obiettivi? Innanzitutto, prenditi il ​​tuo tempo. In breve, se ci fossero speranze di comunicazione in una potenziale destinazione all’inizio della prossima settimana, fino a poche settimane fa, sembra che a questo punto non ci sia scelta o posizione di questo tipo. E qualcuno che chiede qualcosa a lui o sua moglie Wanda sente che la decisione è già stata presa, o piuttosto rimane.
Ipotesi dello scambio tra Icardi e Divara
Tuttavia, è probabilmente opportuno andare oltre. Inoltre, senza Dzeko, Conte sosterrà tutti i costi anche se c’è un buco nell’attacco, e il club ha raggiunto un accordo con Alexis Sanchez durante quel periodo. Ma in realtà, Maurito crede ancora nella riabilitazione per esigenze tecniche, sarà una patch a colmare questa lacuna? In effetti, ha ripetutamente dimostrato che è difficile cambiare idea quando si mette qualcosa in testa. Tuttavia, come Conte, il segnale che l’azienda continua a inviare è sempre lo stesso. In ogni caso, non c’è posto per l’Inter per lui. Se effettivamente rimane, può solo diventare uno spettatore e parlerà di nuovo a gennaio a quel punto. In breve, se avesse capito che Icardi negli ultimi giorni potrebbe essere controproducente per la sua carriera, come potrebbe liberarsi completamente di questa idea? In realtà, è una strategia, che richiede tempo e in definitiva facile ottenere una destinazione accogliente. Continua ad essere la Juventus. Ma se l’Inter richiede uno scambio per 80 milioni, o nella migliore delle ipotesi Divara, di vendere alla Juvent Scrub, ora il piano di Icardis non è in alcun caso, Torino è un prestito …

La prima volta di Fabio Fognini a Basilea

0
La prima volta di Fabio Fognini a Basilea
La prima volta di Fabio Fognini a Basilea

Un mese dopo la decisione finale sul tabellone segnapunti, quattro dei 10 migliori giocatori del mondo saranno registrati nella Svizzera Basilea, in programma dal 19 al 27 ottobre. Oltre a Roger Federer (ATP 3), Alexander Zverev (6) e Stefanos Tsitsipas (7), Fabio Fognini (10) parteciperà anche al torneo principale svizzero. Gli italiani che hanno vinto Gstaad due anni fa parteciperanno alla loro prima carriera nel Reno. St. Jakobshalle includerà anche Stan Wawrinka (23), Roberto Bautista Agut (11) e Marin Cilic (18).

Rugby World Cup 2019: i 31 convocati delle Fiji

0
Rugby World Cup 2019: i 31 convocati delle Fiji
Rugby World Cup 2019: i 31 convocati delle Fiji

L’allenatore delle Figi John McKee ha annunciato un elenco di 31 giocatori convocati per la Coppa del mondo di rugby 2019 in Giappone, partecipando al Pool D con Australia, Galles, Georgia e Uruguay. La squadra delle Fiji è composta da 18 attaccanti e tre quarti di 13, e la divisione di fondo è la vera forza di una squadra nazionale con giocatori di calibro da Bora Bora, Botia, Goneba, Murim Rewal, Nakoshi, Ladoradra e Tizisoba Ha.

Tra gli attaccanti, oltre al Capitano Wakani Brotz, le stelle più importanti sono Leone Nakarawa, Semi-Kunatani, Billia Memata e Peseria Toto, queste ultime tre formano una vera linea del terzo mondo. L’elenco comprende sia la prima prostituta che la seconda trocar, i fratelli Matabesh, Sam e Josh.

I preparativi delle Figi per la Coppa del Mondo sono iniziati con due partite di prova con Maori All Blacks e sono proseguiti alla Coppa delle Nazioni del Pacifico due settimane fa dopo la vittoria in Giappone due settimane fa.

Squadra nazionale delle Figi

Avanti: Leroy Atarifo, Mesrame Dorokoto, Campese Maaf, Sam Matavesi, Eroni Maui, Peni Labai, Manasa Sauro, Carivati ​​Tawake, Tevita Cavbati, Semi Kunatani, Viriame Mata, Leone Nakarawa, Api Ratniyalawa, Tevita Ratuka, Moses, Dominico Wakanibrotz, Pecheri Yato

Trocar: Frank Lomani, Nico Matawaru, Henry Seniroli, Levani Bothia, Josh Matavesi, Aliveleti Beit Kani, Jale Vatbua, Ben Bora Bora, Vereniki Goneba, Kini Mlimrival, Philip Nacore, Waisea Nayakareb Semi Ladoradra, Joshua Twisova

MotoGP | L’uomo di gomma

0
MotoGP | L’uomo di gomma
MotoGP | L’uomo di gomma

Nelle ultime sei stagioni e mezzo della MotoGP, Mark Marquez ha ridefinito i suoi parametri sportivi. Lo spagnolo ha vinto cinque titoli mondiali e il sesto viaggio, soprattutto, ha completamente spostato i limiti delle biciclette moderne. Oltre a inventare il ripiegamento e il recupero ai confini delle leggi della fisica, il campione di Cervera ha spesso mostrato un nuovo modo di cercare limiti. A differenza dei campioni del passato, Marquez ha aumentato se stesso e la bici al 110% da venerdì mattina. Quindi mira a scoprire i limiti estremi di lui e Honda in ogni circuito per sfruttarli durante la gara. Ma per fare questo, probabilmente è troppo, ma per fortuna corre in cima, quindi non hai mai avuto un incidente grave.
Il sito spagnolo Marca ha raccolto dati molto interessanti sulle carte spagnole. Dal 2013 ad oggi, Marquez è sceso di 112 volte in totale, tenendo conto di tutti i turni che i piloti guidano nel fine settimana, dalle sessioni di prove libere alle qualifiche, al riscaldamento e infine alle corse. Mezzo campionato. Il declino medio annuo è di 17,2. A riprova del fatto che questo non è un problema specifico di un particolare tipo di circuito, Marc ha rivelato di aver raggiunto il suolo almeno una volta in ogni circuito che correva. Tuttavia, Silverstone Tomotegi ha avuto un “pregiudizio” speciale ed è scivolato almeno una volta nel Grand Prix ogni fine settimana.

GP Falls
2013 18 15
2014 18 11
2015 18 13
2016 18 17
2017 18 27
2018 18 23
2019 * 11 6
Questa proporzione è particolarmente impressionante. Nel 62% dei fine settimana combattuti dopo la gara della MotoGP, Marquez è caduto. In realtà 2 su 3 volte. Tuttavia, il confronto tra prove libere e qualifiche / gara mostra una diminuzione del numero e mostra la padronanza raggiunta di veicoli e camion. Delle 112 cadute, 60 si sono verificate nelle prove libere e 14 nel riscaldamento. Invece, solo 19 in qualifica e 18 in gara Le tendenze hanno oscillato nel corso degli anni, con un anno record del 2014, “Ci sono state solo 11 cascate, con un picco di 27 e 23 rispettivamente nel 2017 e nel 2018. Quest’anno i numeri sono scesi in modo significativo, infatti, Marquez ha 6 cadute a 11 GP, e se questa media viene mantenuta a Valencia, chiuderà l’anno a 10 e stabilirà un nuovo “record” personale. Inoltre, la tendenza sta ottenendo maggiore attenzione. In effetti, da sei gare consecutive del Grand Prix, il campione HRC non cadrà a terra. L’ultimo autunno risale al secondo trimestre della Francia. In tal modo, è stato confrontato con successo con sei fine settimana all’inizio del 2014.

Juve-Inter: lo scambio Dybala-Icardi conviene a tutti, ma hanno paura di farlo

0
Juve-Inter: lo scambio Dybala-Icardi conviene a tutti, ma hanno paura di farlo
Juve-Inter: lo scambio Dybala-Icardi conviene a tutti, ma hanno paura di farlo

Nel tempo, la competizione si sta intensificando e aumentano i contatti e il sospetto, ma per Intel e Juventus, la soluzione a doppio puzzle per Mauroy Cardi e Paulo di Barra rimane una soluzione per l’interazione tra club. Il più logico è senza dubbio un balzo in avanti per i nerazzurri, l’unica alternativa allo scenario alternativo che ha portato a Edin Zeko. Ma non è solo il più conveniente, ma anche il più logico. Naturalmente è il più logico, ma tutti hanno paura di implementarlo.

Tabella di bilancio utile per tutti gli effetti, soprattutto dal punto di vista economico. D’altra parte, l’Inter ha un valore residuo in un bilancio di soli 2,29 milioni di euro, un giocatore con un impegno totalmente sostenibile (e lasciando spazio alla manipolazione) da circa 5 milioni di euro e bonus stiamo combattendo con. D’altra parte, in Juventus, il budget di Divara è ancora di 15,73 milioni di dollari, ma 8 milioni di stipendi e bonus vengono fatturati in montagna ogni stagione. Vantaggi economici-Analizzando i dati, è chiaro che entrambi i club hanno una convenienza netta e diretta nella gestione di scambi con rating di carte uguali o meno distanti (se superiore a 75 milioni di euro). Juventus

In pratica, la plusvalenza è bassa, ma rimuove uno dei contributi più importanti dell’intera rosa e rientra nel parametro di sostenibilità del conto economico. Intel, d’altra parte, ottiene maggiori plusvalenze, ma pone maggiormente l’accento sugli aumenti salariali già aumentati dal colpo di stato di Lukaku.

La paura sbagliata, quindi il problema si presenta spontaneamente. Se lo scambio impostato per questi numeri è conveniente per tutti, perché non provare a farlo accadere? Innanzitutto, il rapporto tra i due club oggi è molto freddo. Marotta e Paratych fanno fatica a confrontarsi e, in mancanza di dialogo, è difficile pensare a definizioni di numeri e dettagli. In secondo luogo, entrambi i club hanno molta paura di sbagliare. La paura che Icardi e Divara alla fine esploderanno e si dimostrerà migliore di altre nelle magliette della squadra rivale è la variabile più difficile da calcolare. Uno sconosciuto che trasforma uno scambio così conveniente in un boomerang che non vale la pena lanciare.

Lega Basket – La nona sinfonia di Brescia: battuta anche Cantù per 88-84

0
Lega Basket - La nona sinfonia di Brescia: battuta anche Cantù per 88-84
Lega Basket - La nona sinfonia di Brescia: battuta anche Cantù per 88-84

Il basket germanico Brescia ha chiuso il nono giorno del basket Lega e ha vinto in questa stagione. Questa volta sono arrivato al Lombard Derby con Kant. Ci è riuscito ma è arrivato negli ultimi secondi grazie alla freddezza del tiro libero. Tuttavia, è stata una vittoria degna degli uomini di Diana che hanno guidato il gioco per molto tempo, e c’era poco da permettere all’host di guidare. Se vuoi trovare difetti in questo team, probabilmente non sei in grado di guidare e costruire la tua estensione definitiva per gestire meglio gli ultimi minuti. In effetti, il ruolo di Diana, ha rischiato di perdere non solo negli ultimi 90 secondi, ma anche nel suo invincibile record. Tuttavia, ciò non è stato ottenuto grazie all’eccellente performance di Marcus Laundry, che ha iniziato nel Quintetto di partenza con Moore, Sacquetti, Luca e Michele Vitali, tra gli altri. Solo due Vitali hanno contribuito notevolmente a realizzare due 24 punti (14 Luca e 10 Michele), ma non sono solo 11 punti base per Moss e 12 rimbalzi base per Hunt. Kant, d’altra parte, cercò di invertire la sua profezia con tutte le sue forze, quindi non poteva incolpare se stesso, ma alla fine dovette soccombere alla chiarezza più chiara di Brescia. La sconfitta che ha minato la grande prestazione di Culpeper è iniziata con cinque inizi con Barnes, Chapel, Crosariol e Smith. Ogni squadra ha contribuito alla squadra a raggiungere rispettivamente 15, 17, 13 e 9 punti, in particolare la cappella ha aggiunto 11 rimbalzi per migliorare le prestazioni. Per Cant For, è una grande sconfitta tentare di annullare la vittoria sul Torino nel turno precedente, ma Sodini è soddisfatto della prestazione sfoderata e deve riprendere da lì.

Culpeper e Laundry iniziano la partita mettendo due cestini a prua e Sakchetti guida il Brescia in testa con tiri dall’ambiente circostante. Kant risponde immediatamente con la tripla che Chappel ha vinto, ma nei successivi possedimenti, Brescia avanza il punteggio nel canestro da sopra l’arco di Vitali. L’host non è troppo lontano e ripristina la parità con i colpi intorno al calibro (9-9), durando il tempo di proprietà, infatti, con la precedente inversione, la biancheria è un semplice layup. Per evitare l’estensione ospite, Sodini ha deciso di chiamare il primo timeout della sfida, ma Landry punisce ancora il difensore Canturina con una tripla +6 (11-17), quindi l’effetto L’aspettativa non sorge. L’ala americana viene quindi ripetuta con una fantastica schiacciata, quindi Vitali entra in scena e diventa l’autore del bellissimo ed efficace blocco di Smith. Can Tho restituisce il favore a Thomas, ferma l’amarezza e rimbalza, la palla viene catturata da Cal Pepper. Culpeper è l’intero campo e lascia la conclusione scomparire nella retina da 6,75 metri. Realizzazione della determinazione del sorpasso dell’ospite (20-19) e del tempo di interruzione richiesto da Diana. Dopo la pausa, il Brescia ha riguadagnato il comando con i tre gol di Moss e Hunt ha impedito a Kant di girare il tavolo e ha smesso di provare a saltare i tiri di Cournoux. Il gioco di Canturino verrà riscattato immediatamente a -3 (21-24), ma Hunt risponderà con un tiro dall’interno dell’area. Lo stesso centro americano firma con una schiacciata e chiude questa prima parte del gioco con un punteggio di 21-28.

Thomas realizza il primo canestro del secondo quarto con un semplice tabellone, seguito da un dunk set per Kurosariol. Brescia reagisce al mini-parziale di Kant, con i cestini nell’area di caccia, e Cal Pepper risponde immediatamente con -4 triple (30-34). Il divario è stato rapidamente colmato dal punteggio di Vitali e Landry in due triple consecutive, ma Diana ha deciso di interrompere il gioco per completare alcune delle sue mosse difensive. Dopo la pausa, il divario non cambia, ma ad eccezione della finale, Smith tiene il canestro attraverso l’arco e restituisce il Canturino entro 10 lunghezze svantaggiose (40-50).

Nella terza parte del gioco, Kant ha un forte inizio con un blocco di caccia Thomas seguito da una tripla Burns. La stessa ala Canturina va a segno dall’area parziale 5-0 dell’ospite frenata dalla triade dell’arbitro che ha assegnato un fallo tecnico a Thomas. Vitali non commette errori dal castone, ma tuttavia, Diana ha deciso di chiamare il time out per condannare l’approccio sbagliato che ha fatto nel terzo trimestre. Dopo la pausa, il Brescia è tornato ad allungare con la schiacciata di Randri e le triple di Vitali, ma Kant ha risposto alla partita e ha cercato di chiudere la linea di difesa. Tuttavia, il basket germanico Brescia viene catturato impreparato ed esteso con una tripla e una scenetta prodotte da Landry. Amer

Gazzetta dello Sport: ‘Cristiano Ronaldo, no a Dybala ed Higuain, vuole Icardi alla Juve’

0
Gazzetta dello Sport: 'Cristiano Ronaldo, no a Dybala ed Higuain, vuole Icardi alla Juve'
Gazzetta dello Sport: 'Cristiano Ronaldo, no a Dybala ed Higuain, vuole Icardi alla Juve'

Una settimana prima dell’inizio della Serie A, la Juventus è pronta ad affrontare l’ultima amichevole estiva contro la Triestena sabato alle 20:30. Maurizio Sulli avrà l’opportunità di testare il grado di prontezza tattica e atletica che arriva Bianconeri dopo aver mostrato un gap difensivo e aggressivo nella partita della Coppa dei Campioni contro l’Atletico Madrid.
La leadership di Bianconeri continua a lavorare sul mercato e deve principalmente distribuire ridondanza. Molti giocatori sono a rischio di trasferimento: Perrin, Rugani, Kedira, Maturdi, Mandosk, Higuain, Dhibara. Per essere precisi, si potrebbero fare investimenti significativi per la Juventus, specialmente se almeno due dei punti summenzionati fossero venduti. Infatti, secondo la Gazzetta dello Sport, Cristiano Ronaldo è decisivo nel settore, ma in alcune strategie di mercato, vuole acquistare Mauro Icardi nel settore avanzato, un punto ideale del suo gioco. Sto pensando
Juventus, Cristiano Ronaldo vuole Icardi in bianco e nero
Secondo il famoso quotidiano sportivo milanese, Cristiano Ronaldo avrebbe ringraziato la Juventus per la possibilità di acquistare Mauro Icardi dell’Inter. In effetti, secondo lo stesso giornale, il Portogallo, i vari Higuain e Divara sono diventati rosa solo per gli argentini in compagnia di Suning. In effetti, sappiamo come il portoghese influenza le decisioni di mercato dell’azienda. Il Real Madrid ha anche trasferito la compagnia spagnola a Napoli con un Benzema francese vicino a Higuain.
Tuttavia, come è noto, Intel vuole vendere Icardi a Napoli o Roma. Soprattutto con la compagnia di Parrotta, c’è la possibilità di sviluppare trattative per portare Milano a Roma e Jeco in Argentina.

Mercato della Juventus
Come abbiamo detto, la Juventus può investire in altri giocatori, ma prima deve vendere un po ‘di ridondanza: esempi di interesse per Perrin, Lugani e Monaco Quindi Matuidi può passare al campionato francese mentre è nel mezzo.
Possono anche essere lanciati attaccanti Mandzukic e il Bayern Monaco è alla ricerca di giocatori esperti nei settori avanzati. D’altra parte, Higuain è interessato a Roma, ma è noto che gli argentini vogliono rimanere a Torino. Infine, le parole di Paratici al Villar Perosa di Dybala confermano la possibilità che 10 Juventus lascino il Torino. Potrebbe sostituire Neymar a Parigi Saint-Germain, permettendo ai brasiliani di trasferirsi a Barcellona o al Real Madrid.

Tennis, Fabio Fognini: “Dopo gli US Open deciderò se operarmi al piede”

0
Tennis, Fabio Fognini: “Dopo gli US Open deciderò se operarmi al piede”
Tennis, Fabio Fognini: “Dopo gli US Open deciderò se operarmi al piede”

Problemi ai piedi che hanno afflitto Fabio Fognini in modi più o meno ovvi negli ultimi mesi possono convincere gli italiani a sottoporsi a un intervento chirurgico alla fine della stagione, alla fine delle baraccopoli della scorsa stagione o agli US Open C’è.

Della top 10 dell’ATP, Ligurian partecipa attualmente al Montreal Masters 1000, quindi si reca negli Stati Uniti per partecipare al torneo di Cincinnati nella stessa categoria del torneo canadese che è un’introduzione al Canada. Prati a filo. Più tardi, l’operazione programmata per essere sostenuta davanti alla coppa nori prevista per il 20-22 settembre a Ginevra, Svizzera.
Queste sono le dichiarazioni di Fogini su Sky Sports. “Cincinnati e gli US Open, quindi decidono se sottoporsi a un intervento chirurgico per problemi ai piedi, prima della coppa del nori. Il 2020 sarà un anno specifico e il bambino verrà. Due bambini piccoli È difficile rimorchiare e viaggiare, ma sto ancora correndo per la finale ATP, quindi vorrei finire al meglio della stagione.

Irlanda – Italia: Ian McKinley “ci aspetta una partita molto dura”

0
Irlanda - Italia: Ian McKinley “ci aspetta una partita molto dura”
Irlanda - Italia: Ian McKinley “ci aspetta una partita molto dura”

L’Ital Rugby continua la sua settimana di allenamento in preparazione della prima partita di test della Coppa del Mondo di Pre Rugby con un ospite irlandese in programma sabato.

Ieri c’è stata una doppia sessione sul campo e una sessione nella palestra di Ital Rugby, costellata da incontri con Alan Roland, ex arbitro e giocatore irlandese, e coordinatore del direttore di gara del World Rugby. Mostra loro alcuni case history relativi alla direzione dell’arbitro e continua il loro tour personale con visite a squadre qualificate ai Mondiali di Rugby 2019.

Da Fir, Ian McKinley media l’irlandese Benetton e il reparto di apertura italiano: “Abbiamo svolto un lavoro molto importante negli ultimi due mesi e questa volta ci stiamo preparando per la seconda preparazione dei Mondiali. La squadra di Joe Schmidt arriva alla conferenza con così tanti giocatori che possono giocare sul luogo della Coppa del Mondo di Rugby.

Alla ricerca della loro prima partecipazione ai Mondiali, l’estremo di Zebra Edoardo Padvani gli fa eco. Vogliamo mostrare il nostro valore sul campo e, come tutti i compagni di squadra, è sicuramente l’obiettivo di ottenere il 31 ° posto nella Coppa del Mondo di Rugby. C’è un ottimo gruppo e tutti i membri del team finale saranno in grado di svolgere il lavoro in modo affidabile “.